Parrocchia di Biccari

Benvenuti nel sito ufficiale della Parrocchia Maria Santissima Assunta di Biccari(Fg). Attraverso queste pagine potrai scoprire le inziative della nostra comunitá, i progetti da realizzare e tutto quello ciò che riguarda la nostra attivitá quotidiana. Per saperne di più


Benedizione quadro della deposizione di Gesù

Pubblicato il 15 settembre 2014

Benedizione del quadro della deposizione di Gesù Cristo:

domenica 14 settembre 2014

Il quadro è stato realizzato da ANGELA DAVARI su una tavola di legno massiccio marino, opportunamente preparata con una imprimitura di gesso di Bologna e colla di coniglio, levigata poi a specchio, per poter dipingere con la tecnica antica delle icone bizantine. Lo sfondo in foglia di oro zecchino impreziosisce l’icona ma il suo vero significato è che rappresenta l’eternità e la divinità dei personaggi e della scena raffigurata. Sono state usate terre coloranti ricavate anche da pietre preziose, macinate finemente e diluite con un legante a base di tuorlo d’uovo, vino bianco e oli profumati. Anche questo ha un significato al di là dell’utilizzo per la pittura. L’uovo, che non ha un inizio e una fine, rappresenta Dio; gli oli, invece, l’unzione dei profeti e del battesimo. La scena rappresenta la deposizione di Gesù e la sua preparazione per la sepoltura. A sinistra Maria Maddalena, triste, si china, adorante, a baciare la mano del maestro.La VergineMaria, affranta, abbraccia il Figlio e l’altra Maria lo sorregge. Le tre stelle sul mantello della Madre indicano la sua verginità prima, durante e dopo il parto. Tutta la scena  trasmette amore, dolcezza e dolore verso il Cristo e la sua morte. Lo hanno pulito dal sangue per poterlo deporre nel sepolcro. L’indomani verranno per l’unzione con gli oli profumati, come era usanza del tempo. Sono affrante perché non sanno o non vogliono credere che, di lì a poco, il Maestro risorgerà nella gloria. Gesù è avvolto nel sudario e verrà disteso nella sua (così credevano) ultima dimora. Le scritte nell’aureola del Cristo O ω N sono le iniziali in greco di Colui che era, che è e che sarà e quindi l’Eterno. Le scritte sullo sfondo d’oro sono le contrazioni, sempre in greco, delle parole: “la deposizione di Cristo”. Tutta l’opera è stata realizzata totalmente nella preghiera. L’iconografo non può prescindere da essa perché è Lui che guida la sua mano. Non ci può essere abilità senza la guida divina.

L’autrice ANGELA DAVARI in Stelluto

——————

SI RINGRAZIA

  • Angela Davari per aver realizzato e donato il quadro alla  parrocchia di Biccari
  • La ditta “La Cattolica” per aver realizzato e donato la base per Gesù Crocifisso
NextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnailNextGen ScrollGallery thumbnail
immagine-001
immagine-003
immagine-005
immagine-006
immagine-008
immagine-009
immagine-011
immagine-012
immagine-013

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *